CONDIVIDI
02 Febbraio 2022

Cosa chiedono i lavoratori italiani alle aziende?

Davide Boati (Hunters Group): lo stipendio non basta più, i candidati desiderano una serie di benefit che permettano di affrontare un mercato del lavoro sempre più dinamico. Chiedono flessibilità oraria, premi immediati e smartworking

Meno auto aziendali, meno smartphone e più flessibilità oraria.
Sono questi, secondo una recente indagine di Hunters Group, società di ricerca e selezione di personale altamente qualificato, le richieste dei lavoratori italiani.
Dal sondaggio condotto tra oltre 2.500 candidati, emerge un quadro molto chiaro: i lavoratori italiani preferiscono la flessibilità oraria (42% degli intervistati), i premi immediati (buoni shopping soprattutto con il 30%) e lo smartworking (21%). Meno importanti sembrano essere, invece, l’auto aziendale, l’assistenza sanitaria e il sostegno alla natalità, scelto solo dal 7% dei professionisti interpellati, compresi in una fascia di età tra i 25 e i 50 anni.

“Questi dati – afferma Davide Boati, Executive Director di Hunters, brand di Hunters Group, dedicato alla ricerca e selezione di personale altamente qualificato – dimostrano quanto i due anni segnati dall’emergenza COVID-19 abbiano ridisegnato quasi completamente i desideri dei lavoratori in fatto di benefit. Sapevamo che lo stipendio, da solo, non poteva più essere sufficiente per trattenere un talento o per portarlo a bordo in fase di valutazione di una nuova offerta di lavoro, ma ora si evidenziano una serie di aspetti che nessun responsabile HR può ignorare: il prestigio di una posizione lavorativa non dipende più, come accadeva in passato, dall’auto aziendale ma è davvero fondamentale, per avere risorse fortemente motivate offrire un pacchetto che contenga sia benefit monetari, sia benefit intangibili (flessibilità e smartworking soprattutto). Appare evidente, dunque, quanto il diritto ad un buon bilanciamento tra vita privata e professionale sia determinante nella carriera di molti di noi.
Stiamo imparando tutti a lavorare per obiettivi e non più a tempo e questo ha, naturalmente, un impatto a 360 gradi”.

Benefit & età: cosa preferiscono i lavoratori junior o senior?
Sono i più giovani a preferire lo smartworking e la flessibilità oraria, a discapito del sostegno alla natalità. Ed è una scelta che non sorprende più di tanto. Nell’epoca del remote working e di una generazione che si è avvicinata al mondo del lavoro in modalità ibrida, quasi nessuno desidera rinunciarvi in toto. Lo smartworking non è stato scoperto durante il lockdown, ma sicuramente la situazione ne ha amplificato l’uso. Il lavoro agile era già tra i progetti delle aziende italiane e molti giovani lavoravano da casa o da luoghi che non fossero il canonico ufficio, anche prima della pandemia.
A essere aumentata in questi mesi è la frequenza con cui Generazione Z e Millennial fanno smartworking ed è una grande occasione per migliorare il work-life balance desiderato.
Una parte dei voti dei più giovani – forse a causa dell’emergenza COVID-19 – ha dimostrato anche grande interesse per l’assistenza sanitaria. Molto basso l’interesse ricevuto per il sostegno alla natalità, un benefit scelto principalmente da over 40.

“A livello generale – conclude Boati – i benefit stanno rappresentando, in maniera sempre più marcata, una forte leva di motivazione dei propri dipendenti. Le aziende devono necessariamente tenere in considerazione il valore che questi elementi possono avere per le persone. Il post COVID-19, in questo senso, può fornire una grande occasione di rinnovamento per soddisfare al meglio le esigenze, materiali ed immateriali, di tutte le risorse. Non dimentichiamo, infatti, che non è raro che un candidato prediliga, a parità di trattamento economico, una azienda attenta al benessere dei propri collaboratori. E il benessere si misura anche attraverso questi elementi”.

 

→ Leggi l’articolo su Business Community

 

Leggi anche:

Lavoro. Migliaia di opportunità in tutta Italia

FV Industriale e Utility Scale: cresce la ricerca di figure in ambito development

Idrogeno e Blue Economy: prospettive per il futuro. Joelle Gallesi a TGR Emilia Romagna

 

→ Il blog di Hunters Group: news dal mercato, consigli sul lavoro, notizie sulla vita aziendale

FANNO PARTE DI HUNTERS GROUP

© 2022 Hunters Group S.r.l. | Via Giovanni Boccaccio, 29 – 20123 Milano | [email protected] | T: +39 02 2951 1023 | C.F. / P.I. 03287420610 | Aut. Min. Lav. 13/I/0013737 | REA MI 1871137 | Credits by Bryan