CONDIVIDI
23 Giugno 2020

Retribuzioni più appaganti

Malgrado un periodo incerto come quello attuale il comparto alimentare rimane senz’altro fra i più attivi, dando continuità al positivo trend di filiera registrato fra 2018 e 2019.

 

(…)
La composizione occupazionale nella filiera del cibo, stabile negli ultimi anni, è caratterizzata da un maggior numero di uomini nei settori primario e secondario e risulta nel complesso giovane: in tutti i settori oltre il 60% dei lavoratori ha meno di 45 anni. I dirigenti, che nel mercato rappresentano l’1,3% della popolazione media di un’azienda, sono in linea con questa quota nel settore commerciale e nell’industria alimentare.

«Il mercato alimentare, e in particolare la filiera food, in Italia ha registrato una crescita costante anno per anno, con numeri estremamente interessanti: circa +30% dal 2013 – sottolinea Davide Boati, Executive Director di Hunters (Hunters Group), società di head hunting –. Le figure che hanno avuto un aumento economico maggiore nel 2019 sono due: l’export manager e l’e-commerce manager. Riguardo al primo, questo ruolo prevede retribuzioni annue lorde sino a 80.000/90.000 euro, ma con possibilità di andare anche oltre se il mercato controllato è mondiale e non continentale. In riferimento all’e-commerce manager invece fino a qualche anno fa aveva una retribuzione annua lorda di 55.000 euro lordi annui, ma oggi è in costante aumento».

(…continua su Largo Consumo)

 

Leggi anche:

Controllo qualità: aumenta l’attenzione sulla funzione

Colloquio di lavoro: essere convincenti con il linguaggio non verbale

Dopo l’emergenza Coronavirus aumenteranno i CV non lineari: come leggere tra le righe?

FANNO PARTE DI HUNTERS GROUP

© 2018 Hunters Group S.r.l. | Via Giovanni Boccaccio, 29 – 20123 Milano | [email protected] | T: +39 02 2951 1023 | C.F. / P.I. 03287420610 | Aut. Min. Lav. 13/I/0013737 | REA MI 1871137 | Credits by Bryan