CONDIVIDI
19 Aprile 2021

Digitalizzazione, effetto Covid. Cresce lo stress causato dalle riunioni virtuali

«Zoom Fatigue», trascorrere molte ore ogni giorno davanti a un personal computer e partecipare a meeting online può diventare molto pesante. I consigli di JHunters per gestire al meglio questi incontri

Videoconferenze, webinar, riunioni online interagendo con schermi e non con persone reali, telefonate infinite per aggiornarsi sui vari progetti. Sembrano questi gli elementi principali di ogni nostra giornata lavorativa da poco più di un anno. Fattori che, a lungo andare, possono generare stanchezza, fisica e mentale.

Molti l’hanno chiamata Zoom Fatigue, ma indipendentemente dal nome, si tratta di un fenomeno prima sconosciuto ma che, a causa di lockdown intermittenti e duraturi, ha raggiunto i massimi livelli a partire da marzo 2020. Non importa se ci si veda su Zoom, Skype, FaceTime o WhatsApp, tutte le app che consentono le video-chiamate hanno su tutti noi lo stesso effetto: ci stancano e chiunque, se può, cerca di limitarle al minimo indispensabile.

«Quello che è accaduto, a livello sanitario, nell’ultimo anno – afferma Emanuele Franza, executive director di JHunters, – ci ha obbligati a spostare riunioni dalle sale meeting ai nostri PC e, se almeno all’inizio questa novità poteva, in qualche caso, affascinarci ed incuriosirci, ora avvertiamo un leggero stress a causa del perdurare di questa situazione. Lavorare in smart working dalla propria casa, senza magari dover attraversare la città nel traffico per andare in ufficio, dovrebbe provocare meno affaticamento, ma le ore passate in videoconferenza possono essere pesanti. Ed è per questo che, per rendere questa situazione meno stressante dal punto psicologico, io consiglio di organizzare appuntamenti di breve durata (meno di un’ora), di preparare una scaletta con gli argomenti da trattare e di coinvolgere solo le persone davvero interessate a quell’incontro. Si tratta di piccoli accorgimenti, che però dopo un anno di lockdown, possono fare davvero la differenza».

JHunters è un brand di Hunters Group specializzato in ricerca e selezione di professionisti che abbiano maturato dai tre ai cinque anni di esperienza professionale, oltreché di giovani ad alto potenziale

Zoom Fatigue: come ridurre lo stress?

Organizzare riunioni brevi. Parola d’ordine: rapidità. Bandire tutti gli appuntamenti che costringono le persone davanti ad uno schermo per 4 (o addirittura 8) ore di fila perché è impensabile che si possa mantenere alto il livello di concentrazione per tutto quel tempo. Se necessario (se, ad esempio, gli argomenti da trattare sono molti), optare, piuttosto, per incontri diluiti nel corso della settimana.

Creare una scaletta della riunione e, se possibile, condividerla prima con gli altri partecipanti. Evitare di andare a braccio, soprattutto perché si rischia di dimenticare dettagli importanti o perdere tempo inutilmente divagando su discorsi che non riguardano quel meeting.

Preparare (poche) slides. Scrivere alcune parole chiave può essere molto per non perdere il filo del discorso, ma anche per mantenere alta l’attenzione di chi ascolta ed evitare che si distragga.

Invitare solo le persone davvero necessarie. Non ha nessun senso far partecipare venti persone ad un meeting se in realtà, per aggiornarsi su un certo tema o sbloccare un determinato lavoro, ne bastano tre; troppe persone collegate rischiano di creare soltanto confusione.

Distribuire le call durante tutta la settimana. Dedicare un solo giorno alle varie call può non essere la strategia vincente perché quella giornata rischia di diventare davvero stressante; meglio tutti i giorni, ma per poco tempo.

Tenere la videocamera accesa. Guardarsi in faccia, anche se attraverso uno schermo, può essere utile per aumentare l’interazione, favorire il dialogo tra i partecipanti e rendere meno difficile l’incontro per chi parla.

«Ci sono poi – aggiunge sempre Franza – alcuni trucchi che possono essere molto utili anche quando si affrontano colloqui via web: indossare le cuffie, ad esempio, può aiutare a ridurre i rumori di sottofondo e a rendere l’audio più pulito. Allo stesso modo, spegnere il microfono mentre parlano le altre persone permette di eliminare, o quantomeno limitare, le interferenze. C’è un altro consiglio che reputo importante ma che viene spesso sottovalutato: conoscere bene la piattaforma che si dovrà usare. Avere a che fare con uno strumento nuovo e mai sperimentato può rendere ancora più stressante una situazione già di per sé non facile. Meglio fare qualche prova prima, si eviteranno problemi magari nell’attivare l’audio, condividere lo schermo o inviare dei file».

 

→ Leggi l’articolo su Insider Trend

 

Leggi anche:

Competenza batte esperienza. Skill al centro della selezione. Che punta sul digitale.

Specialisti IT in fuga dalla metropoli boom in provincia per i lavori digitali

Smart working per smart energy companies

 

 

→ Il blog di Hunters Group: news dal mercato, consigli sul lavoro, notizie sulla vita aziendale

FANNO PARTE DI HUNTERS GROUP

© 2018 Hunters Group S.r.l. | Via Giovanni Boccaccio, 29 – 20123 Milano | [email protected] | T: +39 02 2951 1023 | C.F. / P.I. 03287420610 | Aut. Min. Lav. 13/I/0013737 | REA MI 1871137 | Credits by Bryan