CONDIVIDI
28 Gennaio 2022

Lavoro: il Grid Connection Manager è uno dei profili più ricercati. Cosa fa?

Il Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza creerà nuove figure nel mercato del lavoro. Una di queste sarà il Grid Connection Manager, esperto di Connessioni di grossi impianti. È una delle figure ad oggi più ricercate presso società che si occupando di sviluppo e realizzazione di grossi impianti a terra (solari ed eolici): una crescita costante negli ultimi anni, che si aggira intorno al 300% anno su anno, secondo Hunters, brand di Hunters Group dedicato alla ricerca e selezione di profili qualificati.

Quali sono le responsabilità del Grid Connection Manager? Questo professionista è responsabile della buona esecuzione della connessione alla rete per il portafoglio di progetti eolici e solari onshore e offshore. Collabora e acquisisce, inoltre, informazioni sulla rete dagli enti proposti e fornisce assistenza tecnica durante lo sviluppo del progetto affinché siano presi in considerazione tutti i fattori che influenzano la connessione alla rete. Il Grid Connection Manager, poi, ottimizza la progettazione e i costi della connessione alla rete, inclusi gli studi di pre-fattibilità e fattibilità della connessione alla rete per identificare la capacità disponibile e l’opzione di connessione alla rete più economica e fa in modo che vengano soddisfatti i requisiti tecnici di conformità del codice di rete. Esamina, infine, eventuali restrizioni di rete per valutare soluzioni alternative e si occupa dello sviluppo e del mantenimento degli ottimi rapporti con gli enti preposti alla connessione degli impianti e consulenti tecnici.

Il profilo ideale del Grid Connection Manager presenta una Laurea in Ingegneria Elettrica ed esperienza maturata in società di consulenza, utility, sviluppatore o operatore di trasmissione. In aggiunta a queste caratteristiche generalmente sono richieste:

  • Buona conoscenza del settore della distribuzione e della trasmissione italiana e del processo, dei requisiti e delle normative di connessione alla rete.
  • Buona conoscenza della progettazione degli impianti.
  • Buona competenza commerciale per valutare i progetti.
  • Ottime capacità comunicative, sia scritte (presentazioni, relazioni, documenti) che orali.
  • Capacità di costruire relazioni solide, collaborative e produttive con i team chiave coinvolti nella realizzazione e ottimizzazione delle connessioni alla rete.

La RAL indicativa di questi profili spazia tra i 50.000 euro lordi per le candidature con 3-4 anni di esperienza fino agli 80.000 euro per i professionisti con 7-10 anni di esperienza nell’ambito. In alcuni casi vengono fatte crescere internamente figure esperte in progettazione elettrica, alle quali vengono affidati ruoli più ampi legati anche alla connessione degli impianti.

 

→ Leggi l’articolo su Finanza.com

 

Leggi anche:

Tanto spazio per le professioni “verdi”

Idrogeno e Blue Economy: prospettive per il futuro. Joelle Gallesi a TGR Emilia Romagna

Infrastrutture e Pnrr: cercasi ingegneri e esperti in digitale, meccanica e sicurezza

 

→ Il blog di Hunters Group: news dal mercato, consigli sul lavoro, notizie sulla vita aziendale

FANNO PARTE DI HUNTERS GROUP

© 2018 Hunters Group S.r.l. | Via Giovanni Boccaccio, 29 – 20123 Milano | [email protected] | T: +39 02 2951 1023 | C.F. / P.I. 03287420610 | Aut. Min. Lav. 13/I/0013737 | REA MI 1871137 | Credits by Bryan