CONDIVIDI
10 Ottobre 2022

Grandi dimissioni, grandi ripensamenti

La survey condotta da Hunters Group dimostra che già nei primi mesi arriva il pentimento. 

In ltalia nel secondo trimestre del 2021 il boom di dimissioni è stato dell’85%, mentre nel terzo la media à stata del 20.7% Le motivazioni?

“La spinta verso il nuovo potrebbe essere stata la risposta ai lunghi mesi in lockdown o semplicemente un cambiamento ormai inarrestabile della percezione del proprio lavoro, dei tempi e degli spazi dell’ufficio – precisa Joelle Gallesi,  Managing Director di Hunters Group, società  di ricerca e selezione del personale qualificato – non è così semplice.

Ma molti di coloro che hanno cambiato lavoro, già nei primi tre o sei mesi dall’inizio della nuova avventura professionale, rivalutano la scelta e sarebbero già pronti a cambiare nuovamente perché si rendono conto di aver preso questa decisione sull’onda dell’emotività invece che sulla base di un vero progetto di carriera”.

Il sondaggio che Hunters Group ha condotto tra circa 1000 candidati lo spiega bene: il 38% si ritiene molto soddisfatto del cambio, il 50% abbastanza, il 17% poco e il 15% per nulla. Quali sono lo motivazioni che hanno incentivato il cambiamento? Il 40% dei profili si e mosso per la possibilità di crescita professionale ed economica. 

Il 23% per la mission e i valori aziendali della nuova realtà e l’11% per l’opportunità di formazione. 

 

Leggi l’articolo su Economy Magazine!

 

Leggi anche: 

Aumentano le opportunità nel settore conciario

Colmare lo skill gap per rispondere alle sfide di un mercato del lavoro sempre più complesso

L’innovazione non è rosa. Italia fanalino di coda nel tech femminile

→  Il blog di Hunters Group: news dal mercato, consigli sul lavoro, notizie sulla vita aziendale

FANNO PARTE DI HUNTERS GROUP

© 2022 Hunters Group S.r.l. | Via Giovanni Boccaccio, 29 – 20123 Milano | [email protected] | T: +39 02 2951 1023 | C.F. / P.I. 03287420610 | Aut. Min. Lav. 13/I/0013737 | REA MI 1871137 | Credits by Bryan