CONDIVIDI
24 Giugno 2021

Più tecnologia per medicina e corsi sanitari: Consulenti ed esperti digitali

La pandemia da Covid-19 ha rivoluzionato le professioni mediche e sanitarie che – oltre a registrare un boom di richieste – sono diventate sempre più ibride e multidisciplinari. Accanto ai corsi di laurea in medicina e chirurgia “classici”, la maggior parte degli atenei offre per il prossimo anno accademico sempre più corsi che intrecciano discipline sanitarie con quelle tecniche e ingegneristiche. […]

Accanto a questi sbocchi “classici” ci sono poi impieghi nuovi per i laureati nel settore sanitario.
«Lo sbocco più innovativo è rappresentato dalla consulenza, e in particolare per società che si occupano della digitalizzazione delle aziende life sciences, come previsto dal programma industria 4.0» spiega Emanuele Franza, director di JHunters, brand di Hunters Group, società di ricerca e selezione di personale qualificato.

«Queste aziende richiedono consulenze e soluzioni digitali per produzione, qualità, laboratori, logistica, serializzazione, affari regolatori e farmacovigilanza. In questo caso parliamo soprattutto di profili con lauree in chimica e tecnologie farmaceutiche, a cui si abbinano solide competenze It e digital. Il ruolo di consulente ha una retribuzione annua lorda che oscilla tra 35 e 45mila euro, a seconda che sia junior o senior». Inoltre, aggiunge Franza, «sono sempre più diffuse insegne private legate alla salute con centri dislocati sul territorio».

 

Leggi tutto l’articolo de Il Sole 24 ORE uscito su Guida Università 2021

 

Leggi anche:

La manutenzione diventa sempre più strategica, molte le opportunità

Mercato del lavoro: ecco i profili più ricercati

FANNO PARTE DI HUNTERS GROUP

© 2018 Hunters Group S.r.l. | Via Giovanni Boccaccio, 29 – 20123 Milano | [email protected] | T: +39 02 2951 1023 | C.F. / P.I. 03287420610 | Aut. Min. Lav. 13/I/0013737 | REA MI 1871137 | Credits by Bryan