CONDIVIDI
20 Dicembre 2021

Start up o multinazionale: dove è meglio lavorare?

A cura di Marianna Mancini

I consigli del director di JHunters ai candidati alla ricerca della prima esperienza di lavoro

Chiunque, cercando un lavoro, si sarà imbattuto nel dilemma: meglio lavorare in una start up emergente e crescere insieme a lei o inserirsi direttamente nel contesto di una multinazionale già affermata? La questione è complessa e non si può risolvere in termini assoluti. Qualche consiglio arriva dalla JHunters, la società di selezione del personale di Hunters Group.

Il director della società Emanuele Franza suggerisce, ad esempio, di valutare le proprie aspettative in merito, per capire “se sia più importante la crescita professionale” e dunque puntare a realtà in cui gli avanzamenti di carriera sono facilitati come nelle start up o se invece “si abbia necessità di una retribuzione più alta” e dunque preferire realtà già strutturare e con compensi mediamente più alti.

Nel primo caso, il candidato può aspettarsi una realtà dinamica, tendenzialmente giovane e con molta fluidità di ruoli. Questo significa anche mettere maggiormente alla prova le proprie responsabilità, perché in un processo professionale in divenire è più facile che si vada a ricoprire diverse posizioni. Un’opportunità di crescita che, di contro, potrebbe anche implicare una mole di lavoro più consistente rispetto a posti di lavoro con ruoli ben definitivi, a fronte di uno stipendio non sempre altissimo data la scarsità iniziale di risorse.

Come specifica Franza, lavorare in una start up è anche un modo per acquisire una “visione più ampia del lavoro (lontano dalle logiche dei singoli dipartimenti o team), per avere maggiori responsabilità ed autonomia o ricoprire, in minor tempo rispetto a contesti più strutturati, posizioni più senior“.

Diversa è la realtà delle multinazionali. Qui solitamente si accede per ricoprire uno specifico ruolo, nel quale però ci si può specializzare al massimo. In questi ambienti strutturati è inoltre possibile avere a che fare con manager e superiori dalla nutrita esperienza: una fonte preziosissima di insegnamenti e competenze. Molti candidati sono attirati dalle multinazionali anche per arricchire il proprio cv con marchi e nomi altisonanti. Tutto questo consente però una minor dinamicità sul lavoro: solitamente si ricopre per molto tempo il singolo ruolo per il quale si è stati assunti e la scalata alla carriera è più lunga.

 

→ Leggi tutto l’articolo su Business24 La TV del Lavoro

 

Leggi anche:

L’aziendalese è sempre dietro l’angolo anche nei colloqui di lavoro

Mercato del lavoro: ecco i profili più ricercati

Digital Transformation delle imprese? La soluzione è il Temporary Innovation Manager

 

→ Il blog di Hunters Group: news dal mercato, consigli sul lavoro, notizie sulla vita aziendale

FANNO PARTE DI HUNTERS GROUP

© 2022 Hunters Group S.r.l. | Via Giovanni Boccaccio, 29 – 20123 Milano | [email protected] | T: +39 02 2951 1023 | C.F. / P.I. 03287420610 | Aut. Min. Lav. 13/I/0013737 | REA MI 1871137 | Credits by Bryan