CONDIVIDI
22 Luglio 2020

Hunters Group: il Pharma Made in Italy richiede competenze sempre più aggiornate e specifiche

Crescono del 12% le richieste di professionisti che si occupano di manutenzione e aggiornamento degli impianti chimico-farmaceutici


Il Pharma made in Italy si colloca al secondo posto nel mercato europeo (dopo la Germania) e ha visto una crescita, tra il 2015 e il 2019, del 21%. Questo si traduce, naturalmente, in un aumento di richieste per chi si occupa della manutenzione e dell’aggiornamento continuo degli impianti chimico-farmaceutici.

“Negli ultimi anni – spiega Davide Boati, Executive Director di Hunters, brand di Hunters Group, società di ricerca e selezione di personale qualificato – è cambiato il concetto stesso di manutenzione. Oggi rappresenta un vero e proprio investimento strategico e non più un servizio erogato alla catena di produzione. I moderni sistemi di Maintenance svolgono ruoli sempre più complessi, integrando la raccolta di informazioni specifiche, suddivise per apparecchiatura e siti produttivi, alla generazione di analisi sui tipi di guasti e sugli interventi effettuati, che possono essere di natura correttiva, programmata o preventiva”.

Il ruolo del manutentore (meccatronico, elettrico o meccanico) è sempre più richiesto nel mercato del lavoro e rappresenta un professionista fondamentale all’interno di organizzazioni aziendali di produzione farmaceutica perché è in grado di assicurare quotidianamente il corretto funzionamento dei macchinari.

Di cosa di occupa il manutentore. “Si tratta – aggiunge Boati – di un professionista molto ricercato dalle aziende che operano in ambito pharma perché saper individuare un guasto e ripararlo nel minor tempo possibile, minimizzando i tempi di inattività, o mantenere gli impianti in condizioni di sicurezza ed efficienza permette infatti all’azienda di risparmiare ingenti risorse. Il manutentore si occupa, in altre parole, della cura delle apparecchiature per evitare i problemi prima ancora che si presentino. Interviene, inoltre, quando si verifica un malfunzionamento ed esegue le opportune riparazioni e/o sostituzioni. Un ruolo chiave, quindi, per le quali le aziende sono disposte ad offrire retribuzioni molto interessanti: da 30.000 a 35.000 € per chi ha fino a 5 anni di esperienza o da 40.000 a 45.000 € per chi ha, invece, oltre 10 anni di esperienza”.

La continua evoluzione e crescente automazione dei macchinari industriali, con la diffusione di impianti a controllo numerico computerizzato (Cnc) e robotizzati, comporta un ampliamento delle competenze richieste al manutentore: oltre alle conoscenze meccaniche ed elettriche, diventano sempre più importanti competenze in elettrotecnica e meccatronica. Anche gli strumenti di lavoro si evolvono: insieme agli utensili manuali per la manutenzione meccanica si utilizzano sempre più spesso strumentazioni informatiche complesse, soprattutto nella fase di analisi e diagnosi dei guasti.

Le figure ricercate. Hunters Group, al momento attiva nel supporto alle aziende farmaceutiche, ricerca quindi i seguenti profili in ambito chimico-farmaceutico: Manutentore Meccatronico con competenza in ambienti sterili – Ral 40.000 €; Manutentore Elettrico con Certificazione su Rischio Elettrico – Ral 30.000 €; Manutentore Elettromeccanico per lavoro su turni – Ral 35.000 €; Field Service Engineer in ambito ottico – Ral 37.000 €; Instrumental Operator per interventi di calibrazione e manutenzione strumentazione – Ral 40.000 €.

 

→ Leggi l’articolo su KONGnews

 

Leggi anche:

Clean Energy: opportunità di rientro per i manager italiani

Come cambiare lavoro durante il Covid-19

Aziende italiane all’estero: il ruolo cruciale dell’Expat

 

→ Il blog di Hunters Group: news dal mercato, consigli sul lavoro, notizie sulla vita aziendale

FANNO PARTE DI HUNTERS GROUP

© 2018 Hunters Group S.r.l. | Via Giovanni Boccaccio, 29 – 20123 Milano | [email protected] | T: +39 02 2951 1023 | C.F. / P.I. 03287420610 | Aut. Min. Lav. 13/I/0013737 | REA MI 1871137 | Credits by Bryan