CONDIVIDI
24 Aprile 2020

Smart working: quando la tecnologia ci “rende umani”

Rapporto tra uomo e tecnologia: ci sono diverse scuole di pensiero in merito, opposte l’una all’altra e con molte sfumature al loro interno. Siamo infatti abituati a concepire la tecnologia come elemento creato artificialmente per sottrarre l’essere umano ai suoi limiti. Nel tempo, però, abbiamo assistito a dibattiti e dimostrazioni accurate del fatto che in realtà tutto quanto è tecnologia esalta la nostra umanità.

Tecnologia nel lavoro: lo smart working

Quando la situazione di emergenza ha mosso i primi passi e ci siamo visti costretti ad un utilizzo dello smart working, la tecnologia è diventata preponderante nella nostra vita. Da ricerca di mercato di BVA-Doxa condotta a metà marzo su un campione di 301 aziende, è emerso che il 73% di queste ha adottato misure di smart working massivo. Di questo 73%, il 90% è composto da aziende multinazionali (forse già più avvezze alla “remotizzazione” per le collaborazioni quotidiane a distanza), il 67% da aziende italiane con sedi estere e il 59% da aziende italiane.

Chiaramente la modalità massima di smart working non dipende solo dalla volontà dell’azienda, ma anche dalla tipologia di funzioni aziendali interne. Esemplificando in modo molto chiaro: un’azienda produttiva non potrà mai demandare la produzione dei collaboratori da casa. Da stime del Politecnico e del Ministero, rispettivamente, siamo a conoscenza del fatto che in periodo pre-COVID, 570mila lavoratori in Italia già praticavano lo smart working; a metà marzo erano aumentati di 554.754 – numero tuttora relativamente basso se fonti come Consulenti del Lavoro stimano che ci sono 8,2 milioni di dipendenti che potrebbero lavorare da remoto.

Smart working: il personale si fonde con il professionale

Chi ha la possibilità di lavorare in modalità smart, o meglio home working per come lo possiamo intendere oggi, si sta accorgendo di come le distanze personali e professionali si riducano. Siamo stati abituati a dividere la sfera personale da quella professionale, ma quanto lo smart working le ha fatte convergere? Attraverso le riunioni da remoto, “entriamo nelle case” di candidati e clienti, sentiamo i sottofondi dei giochi dei rispettivi figli o rumori delle varie attività, non vediamo sfondi asettici di ufficio ma ambienti di casa e talvolta passaggi alle spalle del resto della famiglia; condividiamo aspetti che mai ci saremmo immaginati prima.

La tecnologia ci permette di lavorare ovunque, ma contemporaneamente abbatte la facciata professionale, portandoci a instaurare rapporti in cui ci esponiamo maggiormente come individui. La situazione di emergenza ci induce a sentirci tutti più umani, ad abbattere qualche formalismo e far trasparire un po’ più di noi.

Smart working: come un expat

Paradossalmente, stare chiusi in casa è analogo ad essere un expat. Da un trasferimento all’estero consegue che si affrontino una serie di procedure e difficoltà di ambientamento: grazie a chi vi è passato prima di noi, possiamo avere informazioni più efficaci. Questo porta a creare con naturalezza una comunità che si aiuta professionalmente e personalmente. La stessa percezione la viviamo ora; siamo tutti nella medesima situazione di difficoltà e ci avviciniamo spontaneamente gli uni agli altri, facendo emergere in modo naturale tutti gli elementi di soft skill che più tendiamo solitamente ad adattare nell’ambito strettamente professionale.

 

Leggi anche:

Aziende italiane all’estero: il ruolo cruciale dell’Expat

E se l’intervistatore fosse un Agente Virtuale?

Dopo l’emergenza Coronavirus aumenteranno i CV non lineari: come leggere tra le righe?

Il rischio di impresa ai tempi del Coronavirus

FANNO PARTE DI HUNTERS GROUP

© 2018 Hunters Group S.r.l. | Via Giovanni Boccaccio, 29 – 20123 Milano | [email protected] | T: +39 02 2951 1023 | C.F. / P.I. 03287420610 | Aut. Min. Lav. 13/I/0013737 | REA MI 1871137 | Credits by Bryan